Hamamatsu Photonics Italia Srl

Stand 93

Contenuti

Le soluzioni Hamamatsu che presentereno a SAVE 2021

Hamamatsu Photonics, azienda Giapponese leader di mercato nell'ambito della fotonica, da oltre 60 anni progetta, produce e commercializza componenti e sistemi opto-elettronici ed è nota per la qualità e affidabilità dei suoi prodotti. Hamamatsu può offrire soluzioni che comprendono il singolo sensore o il sistema completo, inoltre è in grado di sviluppare soluzioni personalizzate. Le applicazioni spaziano dall'automazione industriale al campo medico, dalla spettroscopia alla ricerca scientifica, dai controlli in produzione all'analisi dei materiali e altri ancora. Tra i prodotti che presenteremo in fiera citiamo i sensori d'immagine, i fotodiodi, i mini-spettrometri, sorgenti luminose e di raggi X, videocamere, sensori per automazione industriale e molti altri. In particolare, in questa edizione di Save, al nostro stand potrete trovare interessanti demo funzionanti dei nostri prodotti, come: - la videocamera InGaAs QVGA (320 X 256) C14041-10U, sensibile nella regione del vicino infrarosso (SWIR) tra i 950 nm e i 1700 nm. La regione del vicino infrarosso è particolarmente interessante poiché molti materiali mostrano in questa banda spettrale caratteristiche differenti rispetto a quelle presentate nel visibile. Ad esempio potrete vedere come sia possibile rilevare eventuali difetti o ammaccature in prodotti alimentari o ispezionare il contenuto di box plastici. - i nostri MEMS-FPI, spettrometri ultracompatti in grado di discriminare le singole lunghezze d'onda nel vicino infrarosso con un'elevata risoluzione (in media 15 nm), disponibili su 3 bande spettrali differenti. Offriamo anche un modulo che integra il sensore FPI con una sorgente e la relativa elettronica di controllo. Il nostro MEMS FPI permette mediante una semplice misura di discriminare diversi tipi di plastiche e tessuti (all'apparenza uguali)! - un modulo comprensivo di sorgente IR LED e sensore InAsSb usato per analisi real-time di CO2 presente nell'aria. Negli ultimi anni, le m

Sensore d'immagine CMOS Hamamatsu per visione industriale

Hamamatsu presenta il sensore d'immagine lineare CMOS S13774 ad elevata velocità per applicazioni di visione industriale. Il nuovo sensore offre una risoluzione di 4096 pixel ed è in grado di raggiungere un line rate di 100k linee/s. Sviluppato con le più moderne tecnologie CMOS, il sensore ha pixel di piccole dimensioni (7 x 7 um) ed area attiva maggiore di 28 mm, garantendo simultaneamente una buona risoluzione spaziale (4096 pixel) ed area attiva piuttosto grande. L'eccezionale velocità è stata raggiunta grazie ad una struttura che integra un amplificatore ed un ADC per ciascun pixel, migliorando in questo modo anche il SNR e la sensibilità del sensore anche in condizioni di bassa luminosità o esposizioni estremamente brevi. Il sensore ha uscita digitale ed è possibile scegliere tra due livelli di risoluzione dell'ADC, ovvero 10bit (high speed mode:100Klines/s max) o 12bit (low speed mode: 25Klines/sec max). Queste caratteristiche rendono il nuovo sensore d'immagine particolarmente adatto per applicazioni di machine vision, in particolare in ambiti industriali che necessitano prestazioni molto elevate. Nell'ambito dei controlli in linea su processi produttivi (ad esempio qualità dell'allineamento, controllo di packaging, controlli di forma o posizione), infine, l'elevato line rate e lo shutter elettronico garantiscono immagini ottime anche in linee di produzione ad alta velocità. Nell'ambito della robotica, l'elevata sensibilità fornisce prestazioni eccellenti anche in condizioni ambientali difficili o in cui l'immagine, risulta poco luminosa per la presenza di polveri, disturbi o per il rapido movimento dell'oggetto. L'ottima risoluzione spaziale e la grande area attiva permettono di acquisire immagini accurate per applicazioni quali controlli ispettivi di tipo visivo o analitico in ambiti come controllo di qualità, ispezione di conformità, selezionatrici ottiche o lettura di codici. La bassa tensione di alimentazione (3,3 V), il package compatto, e la

Controlli non distruttivi a Raggi-X nelle linee di produzione

I sistemi di controllo non distruttivi trovano vasto impiego nelle linee di produzione automatizzate in vari campi industriali. In particolare, le ispezioni con sistemi a raggi X consentono di identificare i prodotti difettosi ed evitarne l'immissione sul mercato, senza provocare rallentamenti nella velocità delle linee di produzione. Grazie alle elevate prestazioni tecniche in termini di risoluzione e velocità di acquisizione, i sistemi Hamamatsu si adattano perfettamente alle esigenze delle produzioni in linea (Fig. 1). Tra i sensori ideali per le ispezioni a raggi X, Hamamatsu ha recentemente introdotto il modello C14300: un rivelatore lineare a Raggi X che mostra una sensibilità più elevata rispetto ai modelli convenzionali su tutto il range delle energie di emissione ed in particolare alle basse ed alte energie. Questa caratteristica permette di analizzare, nella stessa acquisizione, sia materiali sottili per i quali è necessaria una bassa potenza di emissione da parte della sorgente X, sia materiali più spessi o compatti che al contrario necessitano di essere irradiati con potenze elevate; superando così i tipici problemi di sovraesposizione delle parti sottili ed assicurando un'elevata risoluzione di tutto il campione analizzato. Grazie all'elevata velocità di acquisizione, fino a 200 m/min, il sensore si presta ad ispezioni in linea molto veloci; il C14300 è inoltre certificato IP67, permettendo il suo utilizzo anche in condizioni ambientali difficili. Con pitch da 0,4mm, interfaccia USB 3.0 e digitalizzazione a 14bit, il sensore è inoltre disponibile in varie versioni a seconda delle specifiche esigenze e della lunghezza dell'oggetto da ispezionare. Dispositivi di nuova concezione, i sensori lineari "Dual-Energy" della serie C11800 sono rivelatori capaci di acquisire, con un'unica scansione, immagini dello stesso oggetto con raggi X ad alte e a basse energie, permettendo di discriminare anche materiali con densità molto simili. I campi di app

Hamamatsu Photonics presenta il nuovo FTIR engine

Hamamatsu Photonics, azienda Giapponese leader nel settore dell'optoelettronica da oltre 60 anni, è orgogliosa di annunciare il rilascio del nuovo FTIR engine, C15511-01. Il dispositivo presenta una risposta spettrale compresa tra 1100 nm e 2500 nm, una risoluzione tipica di 5,7 nm e un alto rapporto segnale rumore. La spettroscopia IR a trasformata di Fourier o FT-IR, viene realizzata utilizzando un interferometro di Michelson, che permette la scansione di tutte le frequenze interessate. La scansione è possibile grazie alla presenza di uno specchio mobile, realizzato in tecnologia MEMS (Micro Electro Mechanical System), che spostandosi introduce una differenza di cammino ottico, che origina una interferenza costruttiva o distruttiva con il raggio riflesso da uno specchio fisso. La luce proveniente dal campione viene divisa in due distinti fasci da un beam splitter: i fasci sono poi riflessi l'uno dallo specchio mobile e l'altro dallo specchio fisso tornando verso il beam splitter, dove vengono ricombinati, causando interferenza ottica. Il fotorivelatore acquisisce segnali di intensità luminosa che variano a seconda della posizione dello specchio mobile. Lo spettro ottico è ottenuto dalla Trasformata di Fuorier di questo segnale di intensità di luce. Il C15511-10 viene fornito con attacco in fibra: la luce che proviene dal campione in analisi può essere dunque condotta nello strumento mediante una fibra ottica. Lo spettro e l'assorbimento del campione possono essere misurati connettendo lo strumento, dotato di interfaccia USB (USB 2.0) ad un PC. Il nostro FTIR engine include infatti un software di valutazione che permette di variare le condizioni di misura (Gain, Integration count, etc..) acquisire e salvare i dati. Offriamo inoltre le DLL (Dynamic Link Library) in modo che ogni cliente possa creare il proprio SW, ottimizzando le prestazioni dello strumento per la propria applicazione. Il dispositivo è molto compatto e nasce con lo scopo di effettua

Dispositivi Ottici Hamamatsu per Misure di Gas

Negli ultimi anni, le misure ottiche di gas e molecole con spettri di assorbimento dai 3 ai 10?m (MWIR), come l'NOx (Ossido di Azoto) e l'SOx (Ossido di Zolfo), stanno riscuotendo un interesse sempre maggiore. A differenza di altre tecniche, quelle che utilizzano componenti ottici permettono misure "non a contatto" in tempo reale pur mantenendo un'elevata precisione. Hamamatsu Photonics dispone di sensori ed emettitori ottimizzati per questo tipo di misure. Le sorgenti luminose proposte per queste applicazioni sono: LED nel Medio Infrarosso (MWIR), Laser QCL (Quantum Cascade Laser) e sorgenti Xenon impulsate. I LED MWIR sono disponibili sia in package metallici con o senza lente, sia in package ceramici miniaturizzati; le lunghezze d'onda di emissione disponibili sono 3.3?m, 3.9?m e 4.3?m. L'elevata potenza luminosa, il basso consumo, la risposta temporale veloce e la lunga durata, rendono tali dispositivi adattati ad un'ampia tipologia di misure di gas. I QCL, grazie alla realizzazione di una complessa struttura della giunzione del laser a semiconduttore, riescono ad emettere, sia in modo continuo che impulsato, una luce coerente nel medio infrarosso senza la necessità di raffreddare il dispositivo. Utilizzando gli elementi Peltier integrati nel package metallico TO-8, è possibile controllare finemente la lunghezza d'onda di emissione andando a modificare la temperatura del chip del laser. Tale operazione non comporta la variazione dei modi eccitati nel laser e la conseguente variazione di intensità di emissione. Queste caratteristiche di elevata stabilità, selezionabilità fine della lunghezza d'onda ed alta velocità rendono i QCL adatti a misure molto accurate di gas e molecole. Scegliendo opportunamente la finestra delle lampade Xe-F, è possibile selezionare l'effettivo spettro di emissione di tali sorgenti. Per misure nel medio infrarosso, la finestra in Zaffiro permette di avere un intenso segnale luminoso fino ai 5?m. L'uso di nuovi ed ottimiz

Hamamatsu New MEMS FPI Spectrum Sensor

Hamamatsu Photonics ha recentemente sviluppato nuovi spettrometri ultracompatti sfruttando la tecnologia MEMS (Micro-Electro-Mechanical System). Tali dispositivi sono in grado di discriminare le singole lunghezze d'onda del vicino infrarosso grazie ad una elevata risoluzione. Questi spettrometri, sono composti fondamentalmente da un fotodiodo InGaAs ed un interferometro MEMS-Fabry-Perot: la distanza tra gli specchi dell'interferometro può essere regolata variandone la tensione applicata, in questo modo il dispositivo si comporta come un filtro passa-banda "regolabile" ad ampio spettro. Hamamatsu ha recentemente realizzato tre modelli offrendo un'ampia gamma di risposte spettrali: - C14272 da 1350 nm a 1650 nm - C13272-02 da 1550 nm a 1850 nm - C14273 series da 1750 a 2150 nm. L'elevata compattezza di tali dispositivi ne permette l'integrazione in sistemi di misura portatili in diverse applicazioni quali l'analisi di alimenti, di umidità o la discriminazione di materiali plastici. Per ulteriori informazioni potete contattarci all'indirizzo info@hamamatsu.it o visitare il nostro sito www.hamamatsu.it

Hamamatsu presenta il più piccolo spettrometro SMD al mondo

Hamamatsu Photonics, azienda Giapponese leader nel settore dell'optoelettronica da oltre 60 anni, ha recentemente sviluppato un innovativo spettrometro C14384MA-01 per montaggio in SMD, che può essere considerato il più piccolo spettrometro a reticolo nel mondo. Il dispositivo, ultracompatto (11,7 x 4 x 3,1 mm) e ultraleggero (0,3 g), ha una tensione di alimentazione estremamente ridotta. Le sue caratteristiche, oltre ad un costo contenuto, rendono ideale tale spettrometro per integrazioni anche in sistemi portatili quali smartphone o tablets. Inoltre, per facilitarne l'integrazione, il dispositivo viene fornito con un flexible cable. Il C14384MA-01 presenta un'ottima sensibilità nel vicino infrarosso con una risposta spettrale compresa tra 640 nm e 1050 nm. Questo micro-spettrometro trova utilizzo in molte applicazioni industriali: può essere infatti usato in ambito agroalimentare per l'analisi delle colture o per ispezione di alimenti permettendo di misurarne il contenuto di zucchero/umidità. Inoltre, può essere impiegato anche in applicazioni medicali quali l'analisi della massa grassa corporea (FM). Per facilitare l'utilizzo di questo innovativo spettrometro, Hamamatsu fornisce a supporto anche un kit di valutazione, composto dal circuito C14989 e dall'unità C15036. Tali accessori si connettono facilmente ad un PC mediante un cavo USB (AB type) e permettono di valutare le caratteristiche del micro-spettrometro grazie ad un software fornito a corredo. Per ulteriori informazioni potete contattarci all'indirizzo info@hamamatsu.it o visitare il nostro sito https://www.hamamatsu.com/eu/en/product/type/C14384MA-01/index.html

Camere InGaAs Hamamatsu per Imaging SWIR

L'imaging ad Infrarossi a onde corte, Imaging SWIR (Short-Wavelengh-InfraRed), è una tecnica avanzata utilizzata per riprodurre immagini create dai fotoni riflessi o assorbiti da un oggetto nella regione dello spettro elettromagnetico compresa tra 900nm e 1700nm ed invisibile all'occhio umano. È dunque un'ottima soluzione per eseguire controlli non distruttivi (NDT inspection) in modo completamente non invasivo. Permette infatti di "vedere" oltre la superficie dell'oggetto, evidenziando alcune caratteristiche non visibili ad occhio nudo (ad esempio la presenza di acqua nei materiali o di eventuali difetti) e distinguendo i materiali in base alle loro "firme" spettrali. La qualità del prodotto, con tale tecnica, può essere salvaguardata in modo sicuro e conveniente. L'imaging SWIR apre le porte ad un gran numero di applicazioni per le quali non è possibile usare la luce visibile, come ad esempio, l'ispezione di schede elettroniche o di celle solari, lo smistamento di materiali, il controllo di cibo e prodotti agricoli (verifica di eventuali difetti non visibili, controlli di qualità) e molto altro. Hamamatsu Photonics K.K., azienda giapponese leader mondiale nel settore dell'optoelettronica offre sensori di immagine InGaAs e camere SWIR perfetti per queste applicazioni. La nostra esperienza con i sensori InGaAs ci consente di offrire camere nell' infrarosso che presentano un contrasto e una qualità di immagine eccezionale. Proponiamo sia camere lineari che bidimensionali SWIR. La nuova camera lineare SWIR C15333-10E offre un'elevata sensibilità nella regione SWIR da 950nm a 1700nm, un basso rumore ed un'alta velocità (40KHz). Tali caratteristiche, oltre che ad un 'interfaccia GigaE, la rendono perfetta per esigenze industriali, in particolare, può essere integrata in sistemi di ispezioni in linea, dove si necessita di un design compatto e basso costo. Essa integra un sensore InGaAs da 1024 pixels, con dimensione di pixel 12,5um x 12,5um. Offriamo inolt